Collezione privata "Aston Martin DB5"- Anno di produzione 1963-1965 (1021 esemplari).

 

Il DB5 ha segnato la sua epoca associando un abito elegante firmato da Touring Superleggera ed una potente meccanica, un 6 cilindri in ligne 4 litres.

Il Don Hayter schizza la linea generale dell'automobile che è rivista da Frederico Formenti responsabile del collocamento a forma del DB4 da Touring Superleggera.

Proposta en coupé et cabriolet, il DB5 affigge i tratti stilistici dell'Aston Martin attuale e passato, a sapere la freccia cromata sui fianchi anteriori, ma anche la calandra in "T retourné." Questo ultimo tratto è il più visibile e caratteristico della marca del resto. La sua linea non è nuova, dato che riprende quella del DB4 Vantage.

I globi dei fari carenati, già presenti sui DB4 Vantage e GT, sottolineano le forme sagomate dell'automobile. Il DB5 che è un po' esigua, Davide Brown decide di costruire si un break personale per trasportare le sue attrezzature di caccia ed i suoi cani.

 

Malgrado le aspettative, i clienti trovano attraenti il break così che per rispondere alla domanda, Aston Martin confiderà al carrozzeria "Harold Radford" la realizzazione di una serie molto limitata di DB5 break. All'infuori dell'esemplare di Davide Brown, dodici break di caccia saranno costruiti di 1965 à 1967.

 

Source: Wikipédia

Carta Steinbach 73 X 55 cm - cornice interiore de 51 X 46,5 cm

Webmaster © Robin Mompach 2008